2 - Mulini e pastifici

Livello di descrizione

Serie

Descrizione

La zona di Nervi, oggi quartiere di Genova ma fino al 1926 comune autonomo, vanta una lunga tradizione per quanto concerne l'industria alimentare. Furono molti i pastifici che sorsero a partire dalla seconda metà dell'Ottocento fino al secondo dopoguerra.

I più conosciuti erano i mulini Cassanello in via del Commercio, il mulino con annessa fabbrica Nossardi -il più grande- in via Gazzolo, il De Martini Cosso in via S.M. Assunta, il Grondona a Quinto.
A metà dell'Ottocento se ne contavano ben 32.
Esportavano molto, per esempio a Londra, dove era molto apprezzato un tipo di pasta, delle matassine a nido, in cui era specializzato il pastificio Nossardi, e per questa preferenza era denominato "uso Londra".

Nel corso del Novecento l'industria alimentare nerviese subì un drastico calo: in primo luogo la rivoluzione russa bloccò l'importazione di grano dalla Crimea con necessità di rivolgersi a mercati più lontani e costosi. Seguì la "battaglia del grano" con l'autarchia imposta da Mussolini, e da ultimo l'avanzare della ferrovia che a Nervi si tradusse in pesanti mutamenti del territorio con la deviazione del torrente Nervi, dove prendevano acqua i mulini e i pastifici, e un peggioramento della qualità dell'aria che costrinse ad abbandonare l'essicazione della pasta all'aria aperta, divenuto inoltre un metodo troppo costoso e superato dallo sviluppo di nuove tecnologie per la produzione industriale di pasta.

Data testuale

1882 - 1937 circa

Consistenza

46 unità circa

Soggetto produttore

Livello archivistico superiore

Lingua prevalente

ITALIANO - Italiano - IT

Soggetto conservatore

Contenuti